Con i miei atleti utilizzo spesso questa metafora: quando devi raggiungere il tuo peso forma ci sono degli alimenti raccomandati e degli alimenti sconsigliati, il cibo spazzatura. Alimenti non utili e funzionali al raggiungimento del peso forma. Allo stesso modo quando hai un obiettivo devi nutrire la tua mente con pensieri utili al suo raggiungimento e evitare i pensieri spazzatura. Non è questione di pensiero positivo, di raccontarsi di essere i migliori o di poter fare qualsiasi cosa, quanto piuttosto di focalizzarsi su pensieri che permettano alla mente di rimanere concentrata sull’obiettivo, sereni e fiduciosi di poter affrontare eventuali ostacoli senza vacillare troppo.

Ma cosa sono i pensieri spazzatura? Sono quei pensieri negativi, limitanti, irrazionali dai quali ci sentiamo spesso sopraffatti, incapaci di uscire dal vortice della negatività. Sono quei pensieri che ci dicono che non siamo abbastanza bravi, che non ce la faremo mai, che non abbiamo le risorse necessarie, che siamo destinati a fallire. Sono quei pensieri che ci fanno sentire inadeguati, frustrati, ansiosi, demotivati.

Questo genere di pensieri sono molto pericolosi perché influenzano le nostre emozioni, le nostre azioni e i nostri risultati. Se pensiamo di non essere all’altezza, ci sentiremo insicuri, agiremo con poca convinzione e otterremo scarsi risultati. Se invece pensiamo di avere delle potenzialità, ci sentiremo fiduciosi, agiremo con determinazione e otterremo migliori risultati.

Come possiamo allora affrontare e non farci sopraffare da questi pensieri? Ecco alcuni suggerimenti:

  • Prendi consapevolezza dei tuoi pensieri. Spesso i pensieri negativi sono automatici e inconsapevoli, ci passano per la testa senza che ce ne accorgiamo. Per questo è importante prestare attenzione a ciò che pensiamo, soprattutto quando ci troviamo in situazioni di stress o di sfida. Puoi aiutarti scrivendo i tuoi pensieri su un diario o su un foglio di carta, in modo da renderli visibili e tangibili.
  • Metti in discussione i tuoi pensieri. Una volta che hai individuato i tuoi pensieri spazzatura, devi metterli in discussione, interrogarli, sfidarli. Non devi accettarli come verità assolute, ma cercare di capire da dove vengono, quali sono le prove a favore e contro, quali sono le conseguenze di pensarli. Puoi usare delle domande come: Questo pensiero è vero? Da dove viene? Cosa mi fa pensare così? Ci sono delle prove che lo confutano? Cosa succede se continuo a pensarla così? Cosa succederebbe se pensassi diversamente?
  • Sostituisci i tuoi pensieri. Dopo aver messo in discussione i tuoi pensieri, puoi sostituirli con dei pensieri più realistici, positivi, funzionali. Non si tratta di negare la realtà o di illudersi, ma di trovare dei pensieri che ti aiutino a vedere le cose in modo più equilibrato, a valorizzare le tue risorse, a motivarti verso il tuo obiettivo. Puoi usare delle affermazioni come: Ho delle capacità che posso sfruttare. Posso imparare da questa esperienza. Ho delle opportunità che posso cogliere. Ho dei punti di forza che posso evidenziare. Ho dei mezzi che posso utilizzare.

Ti invito a provare questi semplici passaggi la prossima volta che ti troverai ad avere dei pensieri negativi. Vedrai che con un po’ di pratica riuscirai a liberarti da questi pensieri e a nutrire la tua mente con pensieri più sani e utili.

Ricorda che i tuoi pensieri sono il cibo della tua mente: scegli con cura quello che mangi!